Stardoll su Facebook.Per le appassionate di moda e di abbigliamento non sarà complicato riconoscere in Stardoll, browser game nato nel 2004, la piattaforma ideale per dare sfogo alla propria creatività, al proprio estro; gli iscritti disporranno di un avatar personale, con le sembianze di una modella mozzafiato, e potranno abbigliarla a loro piacimento, scegliendo tra un vasto assortimento di capi d’abbigliamento, scarpe e accessori d’ogni genere, potendo inoltre truccarla e abbellirla in modi diversi, sfruttando i gioielli e i trucchi messi a disposizione dal videogame.

Come avevamo già detto in un precedente articolo è possibile accedere al gioco direttamente dal sito, in cui i nuovi arrivati potranno iscriversi gratuitamente, selezionare l’aspetto del proprio avatar e sbizzarrirsi per ore, divertendosi tra mille combinazioni di abiti lussuosi e accessori all’ultimo grido della moda.

Dal 2010, inoltre, gli utenti potranno iniziare la loro avventura su Stardoll accedendo direttamente da Facebook, cliccando l’icona del gioco presente sulla pagina dell’App Center dedicata al videogame.

Il primo passo è semplice, quasi immediato; cliccando su Gioca il nuovo utente vedrà apparire sullo schermo una modella, e potrà iniziare da subito a vestirla, a sua totale discrezione, potendo scegliere tra un numero imprecisato di abiti.

Il passo successivo è rappresentato dalla registrazione; essendo stato concepito per ragazze di età compresa tra i sette e i diciotto anni, per le minori di tredici anni è stato ideato un sistema di controllo preventivo, che le sosterrà e le accompagnerà durante ogni fase del gioco, a partire dalla prima, la registrazione.

Oltre all’Album personalizzato, finalizzato al salvataggio dei propri avatar, ogni utente disporrà di un credito personale, i cosiddetti Starcoins; al momento dell’iscrizione, il sito fornisce gratuitamente 45 Starcoins, con cui sarà possibile accrescere la propria collezione con nuovi accessori, nuovi capi d’abbigliamento

L’esperienza di gioco offerta da Stardoll è davvero unica; attraverso le missioni giornaliere – le cosiddette quests -, l’utente potrà partecipare ad attività di diverso genere, potendo decorare la propria stanza, andare a fare shopping o curare l’aspetto del proprio avatar – l’attività principale -, vestendolo e provando migliaia di combinazioni possibili, alternando vestiti di ogni forma e colore.

Una volta completate alcune di queste attività, l’utente riceverà Starcoins e punti di esperienza, che lo aiuteranno a proseguire nel gioco e ad avanzare di livello, dandogli inoltre la possibilità di comprare nuovi vestiti.

Il numero delle calzature selezionabili è realmente impressionante; sandali, stivali, scarpe con tacchi a spillo altissimi, vertiginosi, dai dodici ai quindici centimetri d’altezza, che aggiungeranno alla modella un fascino impareggiabile, conferendole grazia e femminilità.

Il punto di forza di Stardoll à rappresentato dal suo enorme potenziale creativo; l’utente, godendo di ampia libertà di manovra, può personalizzare l’avatar a suo piacimento, esprimendo tutta la propria abilità e raffinatezza. Gli iscritti potranno perfino creare i propri abiti, personalizzandoli continuamente ed esponendoli nella suite, una sorta di bacheca, che sarà visualizzabile da tutti gli amici.

Oltre ai vestiti, potranno essere modificati anche i tratti fisici della modella, dal colore degli occhi alla forma del viso, l’altezza, il taglio di capelli.

L’interfaccia del gioco ha numerosi tratti in comune con quella di Facebook; oltre all’area destinata alle informazioni personali, quali hobbies, interessi e passioni di ogni utente, il sito comprende una vera e propria chat, in tutto e per tutto simile a quella di Facebook; l’utente potrà decidere di non manifestare la propria presenza cliccando sul pulsante Off, in basso a destra.

Accedendo al gioco da Facebook, inoltre, gli utenti potranno imbattersi in tutta una serie di applicazioni minori, più o meno collegate all’universo di Stardoll; in una di queste, sarà possibile vestire e truccare le celebrità, agghindandole con gioielli, capi d’abbigliamento e accessori di varia natura.

Creato nel 2004 da Lisa Wrang, una casalinga cinquantasettenne di origine finlanedese, il successo del gioco è andato consolidandosi nel corso degli anni, divenendo sempre più popolare; dai 200.000 utenti mensili del settembre 2009, il sito è stato capace di registrare, nel 2012, un picco di 200 milioni di utenti.

Ecco Stardoll su facebook 😉

Commenta!

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ricevi un avviso via email se ci sono nuovi commenti dopo il tuo.