Warcraft : Orcs and Humans fu il primo capitolo della saga, il MMORPG per eccellenza, il titolo a cui tutti pensano quando si parla di giochi di ruolo online, il gioco che ha offerto divertimento puro a milioni di persone in tutto il mondo e che ha dato luogo a grandi opere di merchandise, tra giochi da tavolo, carte, libri, fumetti, action figure, stickers e tonnellate di altro materiale; ora finalmente arriva il tassello mancante nella carriera di Warcraft.

Warcraft il film.

La trasposizione cinematografica di un videogame non è mai cosa semplice, ma speriamo che Warcraft: L’inizio, possa abbattere i pregiudizi su questo genere.

Il film dovrebbe raccontare la parte di storia che caratterizza Warcraft: Orcs and Humans, quella appunto della Prima Guerra e debutterà nei cinema italiani il 1° Giugno.

La regia è affidata a Duncan Jones e verrà distibuito da Universal Picture; gli effetti sono affidati alla Industrial Light & Magic, che mescolando le scansioni dei protagonisti è riuscita ad integrare le loro immagini con gli artwork forniti dagli artisti della Blizzard Entertainment, la stessa azienda che ha sviluppato il videogame originale.

C’è grande attesa per l’uscita del film e si sprecano le supposizioni e a parere dei più il giovane artista ha tutte le carte in regola per fare bene, ma a quanto pare le prime recensioni da parte della stampa U.S.A sono stata tutto fuorché clementi.

Pare infatti che l’ unica recensione positiva arrivi dal The Hollywood Reporter: “Jones riesce a creare alcune scene che hanno l’eloquenza antica di un western classico: un viaggio a dorso di cavallo sulle montagne diventa un occasione per farsi delle confessioni intorno a un fuoco, un incontro segreto in un canyon desolato porta mutua sospensione e tradimenti nella natura.”

Variety dice: “E’ un film onesto che non si rende conto di quanto personaggi, conflitti e regni siano eccessivi. La CGI punta a creare un mondo originale e visivamente affascinante, ma finisce per essere dozzinale e pacchiana.”

The Wrap, il più cattivo dei tre critica le performance degli attori e i costumi: “Il cast sembra alla deriva, solo Schnetzer prova a fornire una performance decente. Ben Foster, solitamente affidabile, sembra un Gesù prog-rock avvolto in vestaglie che lo fanno apparire ridicolo e la povera Paula Patton viene sistemata con un triste paio di zanne del grande magazzino.”

Restiamo in attesa delle reazioni dopo la proiezione nelle nostre sale la prossima settimana ed aspettiamo di conoscere la vostra opinione.

Il Trailer in HD

Commenta!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ricevi un avviso via email se ci sono nuovi commenti dopo il tuo.