Sebbene in passato si sia visto e rivisto utilizzare la Seconda Guerra Mondiale come scenario per i browser game strategici, Mutant Box sviluppatrice del gioco lo fa, ma con precisione storica e dettagli che la portano a diversificarsi, nonostante l’utilizzo di un ambientazione così inflazionata.

liberators

Il gioco permette di catapultarsi direttamente in quel lontano 6 giugno 1944, giorno in cui l’Europa intera cadeva sotto il peso della follia nazista, offrendoci la possibilità di entrare nel vivo della battaglia e sfidare il temuto Reich.

A comando di un esercito statunitense, nei panni di un coraggioso generale, saremo chiamati in prima battuta a costruire e sviluppare la nostra base, reclutare i soldati, ed addestrarli. Con le giuste abilità e le scelte giuste raggiungere l’obiettivo sarà più semplice; per ottenere i risultati sperati e quindi distruggere la minaccia nazista, potremo contare sull’aiuto di personaggi eccelsi come Winston Churchill, Montgomery e molti altri che compaiono in prima persona.

La riconquista dell’Europa parte dallo sbarco in Normandia e termina con la presa di Berlino, il tutto sviluppato molto realisticamente e con riferimenti storici ai limiti del maniacale, l’attinenza ai fatti è molto dettagliata.

Le attività da tenere sotto controllo sono molte, ma tutte ben spiegate dai tutorial; oltre alle azioni di sviluppo della base e dei soldati, dovremo spesso avere a che fare con il Command Head Quarter, il quartier generale, dove prendere le decisioni più importanti, scegliere le strategie e pianificare gli attacchi.

All’interno del gioco spiccano molte altre zone interessanti e fondamentali, come l’armeria, da tenere sempre ben rifornita, l’accademia dove formare i soldati, il poligono e molti altri; nonostante il gioco non conti un numero alto di costruzioni a disposizione è piacevole da giocare e ben fatto, con dei tempi di attesa non infiniti e facilmente gestibili.

L’economia del gioco è basata sull’ oro, che si guadagna terminando con successo le missioni proposte e si utilizza per costruire e per gli upgrade degli edifici e delle forze; importanti anche le piastrine militari conquistate invece dagli scontri in PvP.

Come in tutto i giochi strategico bellici, le alleanze sono sempre molto utili e consigliate, in questo specifico caso decidere di collaborare significa condividere le materie prime e partire insieme alla conquista di nuovi territori.

Dopo aver conquistato un numero importante di postazioni nemiche ed essendo a capo di buona parte del territorio Europeo bisognerà imporre la propria supremazia sfidando comandanti avversari, terminare tutte le missioni e distruggere per sempre il Reich.

Nonostante l’aspetto organizzativo costruttivo del gioco sia molto avvincente, la parte bellica resta il caposaldo.

Gli attacchi possibili sono molti e a comandare i nostri battaglioni nelle diverse aree europee sono personaggi realmente esistiti e ciascuno con caratteristiche strategiche ben definite.

Un modo interessante per ripassare un periodo storico che ci ha toccati da vicino in maniera più interattiva di quanto non si faccia sui libri di scuola.

Tutto ci convince, la grafica è molto bella e l’effetto vintage rende il tutto più credibile e dotato di quella patina retrò che fa la differenza. Le cartine dei territori, i personaggi, le locandine, tutto è curato nei dettagli; anche le animazioni si distinguono nella loro semplicità, il gioco è molto fluido ed adatto a tutti gli amanti dei browser game strategici che cercano il riscatto verso la Germania nazista di Hitler.

PANORAMICA RECENSIONE
grafica
giocabilità
intrattenimento

Commenta!

2 COMMENTI

  1. A me piace e non lo trovo una pay per win, lo si può inoltre giocare senza averi amici e puoi tranquillamente far crescere i tuoi comandanti. Però non riesco a sbloccare Salerno e non capisco cosa devo fare per andare avanti

  2. Premesso che il gioco è pieno di bug e il supporto è molto restio a dare risposte, dopo averci buttato circa 4 mesi SCONSIGLIO VIVAMENTE DI GIOCARCI. E’ un pay per win per cui se non siete disposti a buttarci un capitale non sarete mai competitivi per quanto bene possiate giocare e sarete alla mercè dell’imbecille di turno disposto a farlo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ricevi un avviso via email se ci sono nuovi commenti dopo il tuo.